Abraamo stava camminando sul Monte Moria quando suo figlio, Isacco, chiese: “Ecco il fuoco e la legna; ma dov’è l’agnello per l’olocausto?” (Genesi 22:7). Dio stava testando la fede di Abraamo, avendogli comandato di offrire suo figlio come sacrificio in questo posto. Gli studiosi si sono chiesto per lungo tempo come potesse Abraamo aver fiducia in Dio al punto da essere disposto ad ubbidire a questo comando. Abraamo rispose ad Isacco: “Figlio mio, Dio stesso si provvederà l’agnello per l’olocausto” (Genesi 28:8).

Si è visto che Abraamo aveva ragione: quando aveva legato suo figlio all’altare, quando stava per colpire il suo grandemente amato figlio, un angelo del Signore lo fermò. Il Signore disse: “Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli male! Ora so che tu temi Dio, poiché non mi hai rifiutato tuo figlio, l’unico tuo” (Genesi 22:12). Abraamo guardò e vide un montone con le corna impigliato in un cespuglio, che il Signore aveva provveduto come sostituto al posto di Isacco. A quel punto egli dette nome al posto “Il Signore provvederà” (Genesi 22:14).

I Cristiani hanno trovato che la loro fede è messa alla prova durante lo sviluppo e la propagazione della pandemia del Coronavirus. In momenti come questo, le persone vorrebbero una risposta, e quando la risposta tarda a sopraggiungere, cominciano a preoccuparsi, ma i Cristiani sanno che la fede di Abraamo provvede la risposta alle nostre afflizioni: “Il Signore provvederà”.

Abraamo non sapeva in che modo Dio avrebbe provveduto per lui finché Dio non lo fece. Avendo fiducia che il Signore avrebbe provveduto, Abraamo si impegnò con una fede che ubbidisce alla Parola di Dio, come dovremmo fare anche noi. Sapere che egli provvederà ci incoraggia ad aver fiducia e ad ubbidire, vivendo con una fede che ci produce pace e calma anche in mezzo a grandi difficoltà.

La parola usata da Abraamo per “provvedere” è in effetti una forma della parola “vedere”. L’idea è che il Signore vede i bisogni del suo popolo e poi interviene, “vede cosa poter fare in favore”, fornendo ciò che essi richiedono. L’esperienza di Abraamo mostra che Dio guarda e segue in modo speciali sui suoi servitori fedeli che hanno raggiunto il termine delle loro risorse. Che si tratti di forza interiore e coraggio, di risorse materiali o dello Spirito Santo dimorante in loro, i Cristiani possono guardare con fiducia all’Iddio che li vede, e possono dichiarare con fede e calma: “Il Signore provvederà”.

Dio ha mostrato la sua cura verso di noi con la finale risposta che egli ha dato al problema di Abraamo. Il patriarca aveva bisogno di un sacrificio, così Dio non ha provveduto il figlio di Abraamo, ma il suo proprio Figlio, Gesù Cristo; aveva comandato ad Abraamo: “Prendi ora tuo figlio, il tuo unico, colui che ami, Isacco, e va’ nel paese di Moria, e offrilo là in olocausto sopra uno dei monti che ti dirò” (Genesi 22:2). Questo episodio ha provveduto una rappresentazione di ciò che Dio stava progettando di fare per noi: dare suo Figlio, il suo Figlio unigenito, Gesù, il Figlio che egli ama, e con lui redimerci dal peccato e dalla morte per mezzo del suo sangue. Se Dio è stato pronto a fare questo per salvare la nostra anima, allora i Cristiani possono essere sicuri che egli provvederà per noi anche durante il Coronavirus.

Paolo ci scongiura: “Colui che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per noi tutti, non ci donerà forse anche tutte le cose con lui?” (Romani 8:32). Specialmente nel guardare al sacrificio di Gesù per i nostri peccati, vogliamo avere fiducia nel Signore ora per affrontare tutte le nostre difficoltà, dicendo le parole di fede: “Il Signore provvederà”.

Richard D. Phillips è il ministro senior della Second Presbyterian Church di Greenville, nella Carolina del sud; è un membro del Consiglio della Alliance of Confessing Evangelicals, segretario della Philadelphia Conference on Reformed Theology, e coeditore della serie Reformed Expository Commentary.

Testo pubblicato originariamente sul sito reformation21. Riprodotto qui con autorizzazione da parte dell’ Alliance of Confessing Evangelical.

RSS
Follow by Email